Consorzio agrario porta i produttori alla scoperta di grani nuovi da coltivare

Consorzio agrario porta i produttori alla scoperta di grani nuovi da coltivare

870
0
CONDIVIDI

L’azienda agricola Canale dei Fratelli Mingardi di Roncole Verdi a Busseto ha ospitato l’affollata visita ai campi prova del Consorzio Agrario di Parma alla scoperta di grani nuovi, teneri, duri e antichi. L’iniziativa curata dagli esperti consulenti del Consorzio Agrario di Parma, in collaborazione con partner tecnico-scientifici del settore, ha visto il confronto e l’analisi fra una trentina di varietà cerealicole. In una annata in cui le piogge non hanno di certo abbondato la qualità è parsa comunque buona e i tecnici coordinati dal responsabile Umberto Borlenghi hanno spiegato a più riprese, nel corso della presentazione, agli imprenditori agricoli del territorio la preparazione svolta nel corso dei mesi precedenti e il trattamento del campo, oltre al successivo e naturalmente differente “comportamento” delle svariate varietà di grani.

«In questo modo – ha spiegato Giorgio Grenzi, presidente del Cap – il Consorzio Agrario di Parma, mettendosi a disposizione dei soci e, soprattutto, raccogliendo le loro necessità più concrete, in questo importante periodo dell’anno per il frumento, trasferisce periodicamente le conoscenze più aggiornate dei tecnici esperti Cap e partner, circa le varietà migliori, alla luce dell’odierno particolare momento del mercato e, quindi, dei possibili sbocchi per la vendita».

La giornata è proseguita con una serie di approfondimenti mirati sulle diverse qualità di frumento e l’illustrazione capillare delle peculiarità delle spighe esaminate a livello scientifico e dei trattamenti più adeguati (diserbanti, fungicidi, fertilizzanti ecc.) che garantiscono un prodotto di qualità e con interventi eco-compatibili, in grado d’assicurare anche la piena sostenibilità ambientale. Inoltre i tecnici hanno lungamente trattato il tema dell’adattabilità al terreno di semina di queste aree della nostra Bassa e a quelle che sono oggi le sue caratteristiche e rese a seconda delle diverse qualità del frumento impiegate: livelli proteici, volumi, altezza della spiga, rese produttive per ettaro. Alla sperimentazione, frutto del settore ricerca interna del CAP, hanno partecipato molte aziende di ricerca come Basf, SIS, Semetica, Psv, Cgs, Semia, Verneuil Semence, Adriatica, Limagrain.

Nessun commetno

Lascia una risposta: