Alfieri: Fiere ed Iren Spa, così Pizzarotti sta svendendo il futuro di...

Alfieri: Fiere ed Iren Spa, così Pizzarotti sta svendendo il futuro di Parma

188
0
CONDIVIDI

Azioni di Fiere di Parma e Iren Spa, i gioielli di famiglia, messi in vendita dall’amministrazione Pizzarotti mandano su tutte le furie il candidato sindaco Luigi Alfieri della civica Alfieri per Parma. «Senza consultare la città la giunta fa operazioni tanto importanti da vincolare il destino di Parma per decenni – tuona Alfieri -. Siamo al termine del mandato di Federico Pizzarotti sindaco ed entra nel vivo la campagna delle svendite di fine stagione».

«Dopo quattro anni di immobilismo, ora il Comune vende un pacchetto consistente di azioni delle Fiere di Parma, più di 200mila, oltre il 7% del totale delle quote sociali – spiega il candidato civico -. Proprio due giorni fa, la stampa ha dato notizia che le Fiere di Parma presentano un bilancio con un utile altissimo: 7 milioni di euro. E nella delibera che prepara la vendita si stabilisce che parte dei proventi verranno impiegati nel piano di risanamento dell’aeroporto, per la precisione nel piano di risanamento e sviluppo di Sogeap. Quindi si vendono azioni di una società in perfetta salute per sostenere l’aeroporto il cui futuro sembra andare nella direzione di una “Cargo city”, con tutto ciò che ne consegue in termini di impatto ambientale ed economico».

«Nel frattempo si parla, con sempre più insistenza – continua Luigi Alfieri – della nascita di una holding fieristica che comprenda Parma, Bologna e Rimini – prosegue Alfieri –. In questo modo il nostro gioiellino che produce tanti utili andrebbe a unirsi con due enti in forte difficoltà. Il presidente della Fiere di Bologna Franco Boni ha dichiarato: “Con Parma il dialogo è molto più avanti, la società di consulenza che ci affianca, Kmpg, ha già individuato elementi di ottimizzazione. Ho la buona sensazione che con Parma si possa raggiungere un’intesa su un percorso comune, prodromica al discorso di aggregazione, nel giro di pochi mesi».

«In pratica, in queste ore di fine dell’impero, si sta decidendo il futuro della città – sottolinea infine Luigi Alfieri –Fusione della Fiera, ampliamento dell’aeroporto, vendita dei gioielli di famiglia. Senza dimenticare che Stt Holding, la società partecipata interamente controllata dal Comune di Parma, ha collocato sul mercato azioni Iren per un valore di 18 milioni di euro. È, davvero allarmante che una giunta che sta scadendo si impegni in operazione tanto importanti da vincolare il destino di Parma per decenni. Senza un dibattito pubblico, senza un confronto con la città. E non è tutto: entro pochi giorni dovrebbe essere varato il bando per l’appalto della raccolta rifiuti per i prossimi 15 anni. Non va bene».

Nessun commetno

Lascia una risposta: