Se n’è andato Roberto Capretti, una vita nei prosciuttifici

Se n’è andato Roberto Capretti, una vita nei prosciuttifici

1065
0
CONDIVIDI

Se n’è andato alla vigilia del suo 58esimo compleanno il langhiranese Roberto Capretti. Nato il 7 maggio del 1959 è deceduto dopo una malattia che in poco tempo lo ha sottratto all’affetto della famiglia e degli amici. Roberto Capretti era dipendente del prosciuttificio San Pietro, in località San Michele Cavana, nel comune di Lesignano dè Bagni, azienda nella quale i genitori erano custodi: era dunque cresciuto in quell’ambiente che conosceva come le sue tasche, ed aveva avuto modo di apprendere tutti i segreti del mestiere, svolgendo l’attività con perizia e responsabilità ed acquisendo ben presto una grande esperienza. Era appassionato della montagna e spesso si recava in appennino per effettuare lunghe passeggiate all’aria aperta insieme al suo fidato amico a quattro zampe. Roberto Capretti andava anche a cavallo. Gentile e disponibile con tutti, persona generosa, a Roberto piaceva la compagnia degli amici. I funerali si svolgeranno quest’oggi, 8 maggio, in forma privata.

Nessun commetno

Lascia una risposta: