5 Maggio – “I Signori della Cenere” di Tersite Rossi alla Voltapagina

5 Maggio – “I Signori della Cenere” di Tersite Rossi alla Voltapagina

755
0
CONDIVIDI

La libreria Voltapagina di Parma propone la presentazione dell’ultimo romanzo di Tersite Rossi, collettivo di scrittori scoperto da Massimo Carlotto e formato dall’insegnante Mattia Maistri e dal giornalista Marco Niro, che torna sulla scena letteraria a sei anni dal felice esordio del 2010 con “E’ già sera, tutto è finito” (Pendragon), il romanzo-inchiesta sulle bombe del ’92-’93, e a quattro anni da “Sinistri”, il noir distopico uscito nel 2012 nella collana SabotAge curata da Carlotto per le edizioni e/o.

Il nuovo romanzo, già salutato positivamente da critica e pubblico, s’intitola “I Signori della Cenere” (Pendragon, in libreria dal 6 ottobre 2016) e sarà presentato venerdì 5 maggio alle 18 alla libreria Voltapagina (via Oberdan 4/c), dove gli autori saranno intervistati da Gianni Bandiera. Il duo di scrittori ancora una volta si diverte a giocare con il tempo e la Storia. Se il primo lavoro era ambientato nel recente passato e il secondo nel prossimo futuro, questo affonda le sue radici all’alba dei tempi, per poi scaraventarci fino ai nostri giorni, quelli della grande crisi, e andare oltre. Si tratta di un’avventura senza respiro che costringe i protagonisti – popoli antichi, monaci guerrieri, uomini d’affari senza scrupoli e intellettuali ambigui – a interrogarsi sull’origine dei sentimenti umani più profondi, l’amore e l’odio.

“I Signori della Cenere” è un romanzo di storie intrecciate, come da tradizionale marchio di fabbrica del duo di scrittori. Lorenzo è un rampante broker di Wall Street, Aldo un taciturno ragioniere di provincia e Petra un’inquieta antropologa alla ricerca di se stessa. Le loro vite s’incrociano a Milano nella primavera del 2007, in un hotel di lusso dove Lorenzo si trova per seguire un convegno dell’élite finanziaria internazionale, Petra per relazionare a un seminario sulle società matriarcali, Aldo, rimasto disoccupato, per compiere la sua vendetta contro il sistema che lo ha fatto fuori.

A fare da sfondo alla narrazione sono stavolta i crimini finanziari all’origine della devastante crisi economica d’inizio millennio e il modello sociale pacifico e mutuale delle antiche civiltà preindoeuropee dedite al culto della Grande Madre. Due mondi opposti e solo apparentemente molto lontani, in realtà legati da un filo sottile che s’intreccia fino ai nostri giorni, mettendo tutti di fronte a un bivio: la guerra più sanguinaria di tutti i tempi oppure una svolta pacifica e rivoluzionaria nelle relazioni fra gli uomini. Odio oppure amore.

Nessun commetno

Lascia una risposta: