Rapinata in stazione la primaria di Radioterapia. Contusioni per la D’Abbiero

Rapinata in stazione la primaria di Radioterapia. Contusioni per la D’Abbiero

1361
0
CONDIVIDI

Scende dal treno a Reggio Emilia e la rapinano in via Turri. Vittima Nunziata D’Abbiero, primario del reparto di Radioterapia dell’Ospedale Maggiore di Parma. Tutto sotto gli occhi di numerosi passanti. La dottoressa D’Abbiero stava parlando al cellulare, quando un uomo arrivato da dietro le ha afferrato la borsa che teneva a tracolla per scippargliela. Un’operazione non facile perché il medico si è difeso, trattenendo per quanto ha potuto la sua borsa, fin quando è caduto a terra e la tracolla si è spezzata.

A quel punto, il rapinatore ha afferrato il suo bottino e se l’è data a gambe. Nunziata D’Abbiero, con la prontezza di spirito di chi ne ha viste tante, lo ha pure inseguito, ma è riuscita a vedere soltanto che era un uomo di colore. Sul posto sono subito arrivati la Polizia e i militi del 118 che hanno accompagnato Nunziata D’Abbiero al pronto soccorso per medicare alcune lievi ferite e le contusioni provocate dalla caduta.

Magro il bottino per il rapinatore: una decina di euro e un i-pad che la dottoressa ha bloccato in remoto, rendendolo di fatto inutilizzabile.

Nessun commetno

Lascia una risposta: