11-12 Gennaio – A Parma e Sorbolo la Mehari di Giacarlo Siani

11-12 Gennaio – A Parma e Sorbolo la Mehari di Giacarlo Siani

904
0
CONDIVIDI
giancarlo-siani
Giancarlo Siani, ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985 a soli 26 anni
Arriva anche a Parma la Mehari di Giacarlo Siani, il giornalista napoletano brutalmente ucciso su questa auto nel 1985 per mano della camorra. Due giornate dedicate alla legalità all’interno di un progetto di respiro regionale, la prima al Centro Edison in Largo 8 Marzo – caratterizzata da una tavola rotonda dal titolo “Giornalismo e storie di Mafie” – la seconda a Sorbolo, dove sono stati confiscati beni alle organizzazioni criminali. Sullo sfondo, il Processo Aemilia e la grande riflessione che gli eventi ad esso collegati hanno portato nelle coscienze dei cittadini dell’Emilia Romagna, terra che sembrava immune da fenomeni di questa natura.
Mercoledì 11 gennaio, alle 9.30, dopo il saluto di Massimo Bussandri, segretario generale della Cgil di Parma, al Cinema Edison in largo 8 Marzo ci sarà la proiezione del film Fortapasc del 2009, diretto da Marco Risi, sulla breve esistenza e la tragica fine del giornalista Giancarlo Siani, interpretato da Libero De Rienzo. Alla visione farà seguito un dibattito con le scolaresche invitate ed il giornalista di Radio Siani, Carlo Russo. Alle 14.30, dopo la proiezione del trailer del film Fortapasc, sarà la volta della tavola rotonda, moderata dal giornalista Gabriele Balestrazzi, su “Giornalismo e storie di Mafie” con giornalisti delle testate locali. L’idea è quella di confrontarsi su come i giornalisti della stampa locale vivano la loro professione quando devono raccontare fatti legati alla presenza di fenomeni mafiosi sotto casa. Interverranno: Giuseppe Braglia, segretario confederale Cgil Parma, Paolo Chiacchio, segretario generale Filt Cgil Parma, Marco Vagnozzi, presidente del Consiglio comunale di Parma, Salvo Taranto, del coordinamento Libera Parma. Alla Tavola rotonda è invitata la cittadinanza. All’esterno del Centro il gazebo con la Mehari di Giancarlo Siani ed i pannelli della mostra.
Anche nella seconda giornata, giovedì 12 gennaio, alle 9.30, presso il Centro Civico di Sorbolo, sarà proiettato il film Fortapasc. Dopo il breve saluto di Giuseppe Braglia della Cgil, interverrà il sindaco Nicola Cesari. Le scolaresche invitate dialogheranno con il giornalista di Radio Siani, Carlo Russo. Alle 17.30 è in programma poi una tavola rotonda su “Sorbolo un Comune Contro le Mafie: Beni confiscati e Testo unico Legge regionale sugli Appalti” con il sindaco Cesari. Interverranno: Mirto Bassoli, Cgil Emilia Romagna, Carlo Cantini, referente Libera Parma, Stefania Di Buccio di Unibo, Gian Guido Nobili, dirigente Regione Emilia Romagna. Modera l’avocato Giuseppe Negri.
All’interno del Centro Civico per tutta la gionata sarà esposta la Mehari di Giancarlo Siani.
L’iniziativa è promossa dal Filt Cgil Emilia Romagna e Bologna, Caracò, Libera Emilia Romagna, Comitato IoLotto, Cgil Emilia Romagna e Cna Fita. L’auto sulla quale fu ucciso il giornalista, messa a disposizione dalla Fondazione Polis di Napoli, è giunta in Emilia Romagna su un camion di Geotrans – azienda siciliana di autotrasporto confiscata alla mafia e oggi sotto amministrazione giudiziaria – e percorrerà la via Emilia toccando tutte le province dal 18 novembre al 5 marzo. La prima tappa è stata a Piacenza sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo dal 18 al 20 novembre.

Nessun commetno

Lascia una risposta: