Sedici mostre in sedici luoghi per celebrare Maria Luigia

Sedici mostre in sedici luoghi per celebrare Maria Luigia

566
0
CONDIVIDI

2016-09-12-pizzarotti-ferraris-bicentenario-maria-luigia-1Sarà un autunno ricco e nel segno di Maria Luigia, occasioni uniche per immergersi nella storia e nell’arte del ducato parmense. Il mito di Maria Luigia è ancora vivissimo e innegabile, anche per questo molte realtà pubbliche e private parmensi – sotto il coordinamento del Comune di Parma – si sono riunite nella realizzazione di un evento unico e diffuso, finalizzato alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale e un rilancio del territorio come meta turistica.

L’ampio progetto, che si articola in 16 mostre, 16 luoghi e 16 temi è stato presentato in municipio dal sindaco Federico Pizzarotti, dall’assessore alla cultura Laura Maria Ferraris e dal presidente della Provincia Filippo Fritelli che hanno preannunciato “un bell’esempio di valorizzazione culturale del territorio”.

Sono dunque le 16 mostre, vero cuore pulsante del progetto e della stagione autunnale, ad offrire nuovi spunti di riflessione, trame di un unico racconto diffuso in sedi prestigiose e ricche di fascino, e a creare ponti tra passato e contemporaneità. Gli interessi e le passioni della Duchessa vengono ripercorsi attraverso esposizioni evocative, cimeli, documenti, lettere, collezioni, libri ed opere d’arte, capaci di trasportarci in una realtà lontana eppure ancora viva. Nessun intento nostalgico o celebrativo ma il saper coglier la straordinaria opportunità di riflettere sull’innegabile influenza di un’identità culturale radicata in un contesto più che mai vivace ed attento alla contemporaneità.

Tra le mostre organizzate e proposte per questo bicentenario, quattro sono state realizzate nel periodo primaverile presso il Museo Glauco Lombardi, la Rocca di Sala Baganza, il Teatro Regio di Parma e la Biblioteca Palatina; da metà settembre e fino a febbraio si avvia un nuovo periodo con l’inaugurazione di 12 suggestive esposizioni dedicate alla Duchessa.

Ad aprire il cartellone e a ricordare l’amore di Maria Luigia per le cure termali, il Comune di Salsomaggiore e le Terme di Tabiano e Salsomaggiore propongono la mostra “Maria Luigia: la duchessa delle Terme”. L’esposizione è realizzata con la collaborazione del Museo Glauco Lombardi e dell’Archivio di Stato di Parma e si terrà presso le Terme di Tabiano dal 17 settembre al 30 ottobre, corredata da un convegno sul tema.

Eventi di rilievo della programmazione sono le mostre organizzate dal Comune di Parma, “Ferré e Comte. Dettagli. Grandi interpreti tra moda e arte”, dal 30 settembre al 15 gennaio 2017, presso il Palazzo del Governatore e “Nel Tempio della duchessa tra reale e virtuale. Maria Luigia, San Ludovico e gli artisti parmensi” dal 15 ottobre al 27 novembre, presso la Galleria San Ludovico.

Maria_Luigia_of_Austria,_duchess_of_ParmaPresso la prestigiosa sede della Galleria Nazionale, dal 26 settembre 2016 all’8 gennaio 2017, sarà visitabile “Lucrezia Romana. La virtù delle donne da Raffaello a Reni”. Un progetto che indaga il mito antico della virtù femminile attraverso la figura di Lucrezia grazie ad una galleria di veri capolavori, leggendone le varianti letterarie, simboliche e pratiche sia in Italia che Oltralpe.

A distanza di pochi giorni inaugurerà poi la mostra “A futura memoria. Maria Luigia, le opere, l’arte della propaganda”, in programma dal 1 ottobre al 18 dicembre 2016. Promossa dalla Fondazione Cariparma presso il Palazzo Bossi Bocchi, racconterà le trasformazioni urbane e architettoniche realizzate nel ducato tra il 1816 e il 1843: iniziative che hanno ammodernato il territorio attraverso progetti urbanistici, di viabilità e di edilizia pubblica. Sarà un’occasione per comprendere come il volto di Parma e del territorio si sia trasformato a seguito degli interventi “luigini”.

Per non trascurare l’amore e l’attenzione dimostrati da Maria Luigia per le scienze, si potrà visitare la mostra “Maria Luigia e le scienze nelle collezioni dell’Università”, dal 15 ottobre  al 17 dicembre presso il Museo di Storia Naturale e l’Orto Botanico dell’Università di Parma. Il percorso si articola in tre diverse postazioni: il visitatore si troverà immerso nelle atmosfere dell’epoca, grazie ad un percorso multimediale in cui gli oggetti esposti fungono da protagonisti della narrazione.

Ancora ricordando l’interesse della Duchessa per la cultura e la didattica, presso il Convitto Nazionale “Maria Luigia” sarà allestita la mostra “A scuola con la Duchessa. Il Collegio «Maria Luigia» dalle origini alla fioritura”, dal 22 ottobre al 23 dicembre 2016. Dopo un inquadramento sull’istruzione a Parma in epoca luigina, la mostra ripercorre la nascita del Collegio intitolato fin dall’origine alla Duchessa: sarà Nicolò Bettoli, primo architetto di corte, a ideare il grandioso palazzo dotato di una vasta cappella, di una biblioteca e di un teatro (che saranno visibili lungo il percorso della mostra) e di laboratori scientifici e naturalistici allora d’avanguardia, i cui strumenti e reperti saranno esposti.

Dal 29 ottobre al 27 novembre 2016 il Museo Glauco Lombardi presenta invece una raccolta  di materiale inedito, proveniente dall’archivio privato della contessa Giovanna Marchini Càmia Albertoni Picenardi di Macherio. L’alcova di Palazzo Picenardi: Maria Luigia e Neipperg sposi a Borgataro, questo il titolo della mostra, permetterà di immergersi nella vita privata di Maria Luigia e Adam Neipperg, ricostruendo il soggiorno della duchessa a Borgotaro, luogo di collina «ove tutto era di eleganza e buon gusto».

L’Archivio di Stato di Parma, ente culturale che conserva la memoria delle istituzioni statali che si sono succedute nel tempo sul territorio, vuole porre l’accento sulla politica internazionale del Ducato al tempo di Maria Luigia ed anche oltre il suo governo, ospitando la mostra Parma: un Ducato al centro della politica internazionale dall’11 novembre 2016 al 28 febbraio 2017. Una parte significativa della documentazione esposta riguarderà il Congresso di Vienna e una sezione sarà invece dedicata alle lettere che diversi sovrani europei, dallo zar ai re di Francia, dal regnante spagnolo al re di Svezia, dal Papa al re di Prussia, inviarono a Maria Luigia nel momento della presa di possesso del Ducato.

Nell’ambito degli interessi personali della Duchessa non mancano le arti visive in tutte le loro declinazioni, presentate nella mostra organizzata presso l’Accademia Nazionale di Belle Arti /Liceo Artistico Paolo Toschi intitolata “La fucina delle Arti: l’Accademia della Duchessa” che si svolgerà dal 17 novembre al 17 dicembre 2016.

Sempre presso il Museo Glauco Lombardi, dal 10 dicembre al 19 febbraio 2017, sarà allestita la mostra “La tavola di Maria Luigia”, in cui si indagano aspetti e funzioni del servizio di cucina alla corte di Maria Luigia per raccontare come era organizzato il servizio da tavola, e per soffermarsi sui menù proposti a corte, su alcuni fra i piatti preferiti dalla Duchessa. Saranno esposti i pezzi originali di servizi della tavola ducale, menù, manuali di cucina e documenti vari legati a questo tema; verrà inoltre allestita una tavola apparecchiata riproponendo piatti dell’epoca.

calendario-mostre

Infine, presso la Biblioteca Palatina si terrà un’esposizione dedicata agli altri ambiti culturali a cui la Duchessa era particolarmente dedita, Maria Luigia, la musica, le lettere. Gli interessi personali della Duchessa attraverso i fondi della Palatina dal 12 dicembre 2016 al 14 gennaio 2017. I visitatori potranno ammirare gran parte dell’archivio della Biblioteca, prezioso documento non solo della passione e della pratica musicale di Maria Luigia, ma anche di un’epoca e dell’ambiente di corte, testimone del percorso culturale della Duchessa dagli anni della sua formazione a Vienna e Parigi.

Un video appositamente realizzato dal Centro Video del Comune di Parma sarà diffuso on line per promuovere il progetto Maria Luigia 2016, ripercorrendo l’impatto (storico, artistico, culturale, urbanistico, gastronomico e non solo) del governo della Duchessa e invitando cittadini e turisti a scoprire i luoghi a Lei cari. Mostre e appuntamenti molto diversi tra loro ma volti a far rivivere le atmosfere di Maria Luigia oggi: un’unica ampia proposta adatta a tutti, piccoli e grandi, cultori e semplici curiosi, per una stagione culturale tutta da vivere.

Nessun commetno

Lascia una risposta: