Rifiuti elettronici, nel 2015 Parma raccoglie oltre 2.300 tonnellate di Raee

Rifiuti elettronici, nel 2015 Parma raccoglie oltre 2.300 tonnellate di Raee

1365
0
CONDIVIDI

Parma si conferma città attenta al tema della raccolta dei rifiuti e nel 2015 supera di gran lunga anche l’obiettivo dell’Unione Europea in materia di raccolta di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee), raggiungendo quota 5,21 chilogrammi per abitante contro i 4 fissati da Bruxelles.

Immagine3

Ma in tutte le province dell’Emilia Romagna il risultato è positivo, tanto che Parma si posizione addirittura ai piedi del podio. La medaglia d’oro, con 6,34 chilogrammi per abitante di rifiuti elettronici raccolti (+20% rispetto al 2014), va a Piacenza, seguita da Bologna con 6,24 chilogrammi e da Ravenna con 5,41. Al quarto posto, a pari merito, Forlì-Cesena e Parma con 5,21 chilogrammi per abitante. Seguono Reggio Emilia 4,88, Ferrara 4,83, Modena 4,80 e Rimini 4,27 chili.

Immagine1

In termini di quantità assoluta di rifiuti elettronici raccolti, Bologna è ovviamente al primo posto con 6.264 tonnellate, seguita da Modena con 3.368 tonnellate e da Reggio Emilia con 2.601. Anche in questo caso Parma è al quarto posto con 2.321 tonnellate raccolte, seguita nell’ordine da Ravenna (2.121), Forlì-Cesena (2.061), Piacenza (1.825), Ferrara (1.710) e Rimini (1.432 tonnellate). Ad essere smaltiti in quantità maggiore (32%) sono i “grandi bianchi”, cioè gli elettrodomestici come lavatrici e lavastoviglie; al secondo posto tv e monitor (26%), seguiti da frigoriferi, congelatori e condizionatori (25%). A chiudere la classifica, i piccoli elettrodomestici e i computer (16%) e le sorgenti luminose (0,5%).

Per quanto riguarda Parma in particolare l’incremento della raccolta di rifiuti elettronici rispetto al 2014 è risultato pari al 7,86%, per un totale di ben 2.321.571 di chilogrammi. Per quanto concerne la tipologia dei rifiuti raccolti, Parma segue il trend regionale: la maggior parte sono infatti i grandi bianchi (categoria R2) – lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde cucine – con 755.285 kg raccolti, seguito da tv e monitor (R3) con circa 550.000 chili e da piccoli elettrodomestici (R4) con oltre 503 mila kg raccolti, poco più dei 498 mila chili di frigoriferi, congelatori e condizionatori (R1). Cresce anche la raccolta di lampade, neon ed altri sorgenti luminose (R5) che ha raggiunto quota 14.669 chilogrammi.

Immagine2

Sul territorio regionale sono presenti complessivamente 394 Centri di Conferimento, ovvero le strutture autorizzate dove i cittadini possono consegnare le proprie apparecchiature elettriche ed elettroniche una volta arrivate a fine vita, che corrispondono a 8 centri ogni 100 mila abitanti. In particolare, è Piacenza la provincia con il maggior numero di centri di raccolta rispetto agli abitanti: in totale sono 50, quindi 17 strutture ogni 100 mila abitanti; segue Reggio Emilia, che ha 71 centri, 13 ogni 100 mila abitanti. Il terzo miglior risultato a livello regionale è quello di Parma, con 50 centri, 11 ogni 100 mila abitanti. A Modena i centri sono 63 (9 ogni 100 mila abitanti), a Ravenna 31 (8 ogni 100 mila abitanti), a Bologna 75 (7 ogni 100 mila abitanti), a Forlì-Cesena 24 (6 ogni 100 mila abitanti), a Rimini 18 (5 ogni 100 mila abitanti) e a Ferrara 12 (3 ogni 100 mila abitanti).

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: