Settimana della Bonifica, al Bocchialini il progetto per il risparmio dell’acqua

Settimana della Bonifica, al Bocchialini il progetto per il risparmio dell’acqua

1816
0
CONDIVIDI

indexUn centinaio di studenti dell’Istituto Agrario Bocchialini – terze e quarte classi provenienti dalle sezioni di Parma e San Secondo – ha partecipato ad un incontro sull’irrigazione di precisione, realizzata mediante un avanzato sistema tecnologico che consente un significativo risparmio idrico in agricoltura. L’utilizzo oculato di acqua non rappresenta solo un comportamento responsabile in un’ottica di diffusa sostenibilità ambientale, ma anche un risparmio di denaro per l’imprenditore agricolo che ne fa un uso costante.

Tutto questo è “Acqua e Territorio Lab”, il progetto realizzato da ANBI Emilia Romagna, CER e Consorzio della Bonifica per gli istituti agrari dell’Emilia Romagna – recentemente accreditato dall’Ufficio Scolastico Regionale – Ministero dell’Istruzione. Le lezioni itineranti nelle varie province hanno fatto tappa anche a Parma dove – nel corso di una ricca mattinata di lavoro all’Auditorium dell’Istituto Bocchialini – ANBI e Bonifica Parmense hanno approfondito ruolo e attività svolti dal Consorzio per una corretta manutenzione e difesa del territorio attraverso la regimazione delle acque e la mitigazione del dissesto idrogeologico montano. Sulle tematiche di evidente criticità, rischi e soluzioni di prevenzione sono intervenuti, dopo l’introduzione della preside Annarita Sicuri e del presidente del Consorzio Luigi Spinazzi, Patrizia Narducci di ANBI Emilia Romagna, il presidente del Consorzio di Bonifica Luigi Spinazzi e il direttore generale del Consorzio Meuccio Berselli.

view

Un ampio spazio è stato lasciato alle buone pratiche nell’utilizzo della risorsa irrigua; Gioele Chiari – ricercatore dei laboratori del CER – ha illustrato IRRINET-IRRIFRAME ponendo l’accento sulle modalità tecniche e tecnologiche del software (da oggi anche disponibile e scaricabile gratuitamente come APP per mobile) e coinvolgendo gli studenti in un percorso condiviso di informazioni specifiche. Gli alunni, in via preventiva, grazie al lavoro fatto in classe dal professor Giacomo Corradi nelle giornate precedenti, hanno presentato ai relatori-formatori una simulazione di uso del software applicata ad una coltura come il pomodoro, di per sé particolarmente idro-esigente e quindi esemplificazione sintomatica di un contesto che potrebbe davvero avere problematiche notevoli dalla mancanza di acqua nei prossimi mesi estivi. La dirigente del polo scolastico Annarita Sicuri è intervenuta evidenziando come le attività in collaborazione concreta con realtà quali i Consorzi di Bonifica – chiamati a governare risorse così rilevanti per il territorio come l’acqua – consentano di avere un occhio vigile sulle evoluzioni tecnologiche che sono alla base dell’innovazione utile nel comparto agroalimentare di qualità.

index1

Patrizia Narducci (ANBI Emilia-Romagna) ha rimarcato l’importanza del progetto e della collaborazione fattiva delle scuole per rendere fruibile ai più giovani ciò che può rappresentare per loro una base essenziale per una qualificazione professionale delle attività lavorative che riguardano da vicino il territorio e un approccio del tutto sostenibile.

Presidente e direttore della Bonifica locale Luigi Spinazzi e Meuccio Berselli hanno colto l’occasione dell’incontro per annunciare due importanti novità per il Consorzio di Parma che saranno presentate a breve: un Ufficio Irrigazione a disposizione delle imprese agricole e un Laboratorio di Ricerca e Monitoraggio sulla Qualità delle Acque nel reticolo di bonifica gestito dall’ente in tutto il Parmense.

Nessun commetno

Lascia una risposta: