“Industria 4.0”, Ecipar Parma si candida ad accompagnare le imprese nel futuro

“Industria 4.0”, Ecipar Parma si candida ad accompagnare le imprese nel futuro

2362
0
CONDIVIDI

IMG-20160312-WA0002L’industria diventa sempre più competitiva ma anche più “intelligente”. Le imprese italiane, legate a radicate tradizioni, in gran parte non hanno ancora fatto i conti con questa innovazione destinata a cambiare per sempre forse lo stesso concetto di manifatturiero. Si tratta dell’ingresso ormai a pieno regime nel sistema produttivo dei CPS (Cyber Physical Systems), una rete di macchine capace non solo di effettuare lavori di precisione, ma anche di autocontrollarsi in maniera indipendente. In due parole la completa automazione del processo produttivo.

Una rivoluzione con la quale dovranno misurarsi anche le imprese artigiane ed Ecipar Parma, ente di formazione legato alla Cna, non si lascia superare dai tempi tanto da promuovere nella splendida sede dello Csac, nell’Abbazia Valserena, un incontro con gli addetti ai lavori sul tema “Industria 4.0”. Dove il 4.0 sta a indicare che ormai quella in atto rappresenta di fatto la quarta rivoluzione industriale.

Andrea Parmeggiani, esperto di business management ha illustrato agli imprenditori presenti – per la maggior parte del comparto meccanico, elettronico, logistico e del confezionamento – quella che sarà la via italiana per rilanciare la competitività del manifatturiero. Partendo dal documento che il Ministero per lo Sviluppo economico ha annunciato già nel novembre 2015. Un processo che passa necessariamente anche per la crescita dimensionale delle imprese che, nel caso delle Pmi, può realizzarsi attraverso le unioni. Ma non solo. L’innovazione e la creazione di processi condivisi sono tra le otto linee guida sulle quali il Ministero sta lavorando.

L’incontro promosso da Ecipar Parma, però, è andato oltre. Agli imprenditori che hanno preso parte all’incontro, oltre all’esposizione teorica della nuova Industria 4.0, è stata offerta una interessante parte pratica, più concreta, prima con l’esposizione di una case history, il caso Stoorm5 (piattaforma di servizi per l’Internet of Things creata per soddisfare i requisiti dell’Industry 4.0, attraverso nuovi servizi in grado di generare nuovo profitto e valore su settori di business consolidati), poi con alcune esercitazioni di gruppo per verificare le possibili applicazione nelle proprie realtà aziendali di Industry 4.0.

L’Ecipar Parma del presidente Sebastiano Lipari e del direttore Roberto Andaloro, con questo ennesimo appuntamento con l’innovazione al servizio delle imprese, guadagna i galloni di ammiraglio e lancia un avviso chiaro ai naviganti nel mare magnum del villaggio globale: la rivoluzione è appena cominciata.

Nessun commetno

Lascia una risposta: