ParmaEstate, due mesi tra danza e concerti. Dalla Berliner Philharmoniker a Gianna...

ParmaEstate, due mesi tra danza e concerti. Dalla Berliner Philharmoniker a Gianna Nannini

2990
0
CONDIVIDI

La musica e la danza tornano ad animare nei mesi estivi il Cortile della Pilotta di Parma: dal 21 giugno al 20 luglio ParmaEstate, la rassegna realizzata da Fondazione Teatro Regio di Parma con Comune di Parma e Polo Museale dell’Emilia-Romagna in collaborazione con Fondazione Arturo Toscanini, Società dei Concerti di Parma, Puzzle Puzzle s.r.l., trasforma lo storico cortile in un grande teatro all’aperto che accoglierà 2800 spettatori per sette appuntamenti e 14 serate.

“Il ricco programma di ParmaEstate – spiega Anna Maria Meo, Direttore generale del Teatro Regio di Parma – è pensato per un pubblico ampio, trasversale per interessi ed età, che potrà godere di spettacoli di grande livello, grazie all’impegno del Comune di Parma e alla disponibilità del Polo Museale della’Emilia-Romagna che hanno assicurato al pubblico e agli artisti che si esibiranno un grande teatro all’aperto in uno dei luoghi simbolo nel cuore della città”.

“Nell’ambito del suo percorso di rilancio, Il Teatro Regio ha accettato l’impegno e la responsabilità di essere capofila di questa rassegna, assumendo il ruolo di connettore nei confronti del tessuto musicale cittadino e rafforzando così la collaborazione con istituzioni e associazioni. Un grande sforzo organizzativo che il Teatro può sostenere grazie alla struttura e alle competenze dei suoi lavoratori”.

ParmaEstate inaugura martedì 21 giugno, sarà Béjart Ballet Lausanne, compagnia di danza tra le più acclamate del panorama internazionale diretta da Gil Roman, dopo la scomparsa del suo fondatore, Maurice Béjart che firma i balletti che l’hanno resa celebre, primo fra tutti Boléro, che chiuderà la serata in un crescendo coreografico dopo Suite Barocco, Etude pour une Dame aux camélias, Bhakti III, Impromptu. Lo spettacolo replica mercoledì 22 giugno.

Ezio Bosso, pianista e direttore d’orchestra di fama internazionale, sarà protagonista il 25 giugno insieme ai Violoncellisti della Scala, di Six Breaths in cui esplorerà e racconterà una materia sfuggente e impalpabile come la musica: il respiro. Sei brani per sei tipi di respiro – dal primo di un neonato all’ultimo di chi scompare – che percorrono la vita di ciascun uomo, ritmata e sentita attraverso un atto «così naturale, al quale poniamo attenzione solo quando ci manca».

Per la prima volta a Parma, i Berliner Philharmoniker saranno protagonisti, l’1 luglio, di un concerto interamente dedicato alla musica ceca, guidati dal canadese Yannick Nézet–Séguin, vera stella tra i Direttori della nuova generazione. In programma alcune composizioni dei due musicisti simbolo di questa terra: Bedřich Smetana, con il poema sinfonico “La Moldava” dal ciclo La mia patria e Antonin Dvoràk con la Serenata per archi in Mi maggiore, op. 22 e la Sinfonia n.6 in Re maggiore, op. 60.

Notre Dame de Paris, l’opera di Riccardo Cocciante che ha raccolto successi in tutto il mondo, torna a Parma dal 3 al 9 luglio, a cura di Puzzle Puzzle s.r.l. In scena i protagonisti della prima edizione: Lola Ponce, Gio’ Di Tonno, Vittorio Matteucci, Leonardo Di Minno, Matteo Setti, Graziano Galatone e Tania Tuccinardi faranno rivivere, a distanza di 14 anni dal debutto assoluto, l’emozione di un successo senza fine.

Farà tappa a ParmaEstate Gianna Nannini HitStory Tour 2016, il 13 luglio, la tournée dell’artista che segue l’uscita del suo più recente album, prossimo a conquistare il disco di platino. Organizzato e prodotto da David Zard, F&P Group e Saludo Italia, il concerto sarà l’occasione per la storica rocker italiana di riportare a Parma i suoi successi e alcuni tra i brani più significativi della storia della musica italiana, in un concerto-spettacolo in grado di coniugare il rock più acceso con le armonie classiche dell’ottetto d’archi Red Rock Strings.

Musica classica e cultura popolare si incontrano in A little nightmare music, il divertente spettacolo che, il 16 luglio, porterà per la prima volta a Parma il celebre duo Igudesman e Joo che con il loro virtuosismo e l’irriverente umorismo che li hanno resi celebri saranno protagonisti di un insolito concerto, a cura di Società dei Concerti di Parma, rivolto “agli appassionati di musica classica e a coloro  che corrono ai ripari alla sola menzione di Mozart”.

 Un viaggio nella musica abbattendo i confini tra generi e stili: il 20 luglio, in Morgan e il Paese dei balocchi, Marco Castoldi, in arte Morgan – poeta, maître à penser, polistrumentista, cantautore, interprete e tra gli artisti più eclettici nel panorama artistico italiano – con la Filarmonica Arturo Toscanini, sperimenterà, inventerà e, porterà il pubblico in un luogo in cui alla fantasia non c’è confine e, con incondizionata libertà e divertimento, è possibile passare da Bach a David Bowie nel tempo di un accordo.

I biglietti per Béjart Ballet Lausanne, Ezio Bosso e i Violoncellisti della Scala, Berliner Philharmoniker, Gianna Nannini HitStrory Tour, Igudesman e Joo, Morgan e la Filarmonica Arturo Toscanini sono in vendita dal 5 marzo 2016 presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma, la biglietteria on-line su teatroregioparma.it (l’acquisto on-line su teatroregioparma.it non comporta alcuna commissione di servizio) e presso lo sportello IAT Informazioni e Accoglienza Turistica di Parma (Piazza Giuseppe Garibaldi, 1). I biglietti per Notre Dame de Paris e per tutti gli spettacoli di ParmaEstate sono in vendita su www.ticketone.it, su www.vivaticket.it e presso i  punti vendita Vivaticket.

In caso di maltempo, il concerto dei Berliner Philharmoniker avrà luogo al Teatro Regio di Parma. Il pubblico ha la possibilità di garantire il proprio posto anche al Teatro Regio acquistando il relativo biglietto “posto certo”, fino ad esaurimento posti, presso la biglietteria del Teatro Regio, ove lo spettatore potrà sceglierlo, e online su teatroregioparma.it e in questo caso il posto sarà incontestabilmente assegnato dalla Biglietteria secondo la disponibilità al momento dell’acquisto e verrà quindi comunicato via email allo spettatore.

Nel corso della stagione estiva, l’Auditorium Niccolò Paganini ospiterà la terza edizione di Stelle vaganti realizzata dalla Fondazione Arturo Toscanini. Protagonista la Filarmonica Arturo Toscanini in quattro appuntamenti con Fabio Concato, Fabrizio Bosso, Julian Mazzariello e il Maestro Stefano Fonzi (16 giugno), Marco Caronna, Flaco Biondini e il Maestro Alessandro Nidi (30 giugno), Alessandro Haber Giampaolo Bandini e il Maestro Roberto Molinelli (14 luglio), Ute Lemper e il Maestro Jan Lathan-Koenig (4 agosto).

Nessun commetno

Lascia una risposta: