Il Terzo Paradiso in piazzale della Pace per Parma 360

Il Terzo Paradiso in piazzale della Pace per Parma 360

2344
0
CONDIVIDI

un-giardino-condivisoSvelata al Palazzo del Governatore l’opera che segnerà “Parma 360”, il festival della creatività contemporanea che sarà a Parma dal 2 aprile al 15 maggio con una serie di installazioni, opere d’architettura e di design, food design, fotografia, videoarte e musica attraverso le quali guardare alla realtà con occhi nuovi. Si tratta de “Il Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, che troverà posto in piazzale della Pace su un’area di circa 240 metri lineari per avviare in maniera collettiva un percorso di rinascita e rigenerazione urbana.

L’opera, che trae spunto dal simbolo matematico dell’infinito, ovvero dell’8 sdraiato, sarà suddivisa in 200 pallet di legno orizzontali di 120 centimetri per 80, mentre l’altezza sarà di due metri. Sarà composto da materiali riciclati per richiamare l’attenzione di tutti sui temi della sostenibilità ambientale. Il simbolo avrà al suo interno nuovi spazi di condivisione e scambio collettivo. L’allestimento sarà curato da Manifattura Urbana in attesa dell’arrivo in città, il 5 maggio, dell’autore, Pistoletto, accompagnato per l’occasione dall’architetto Mario Botta che nel 1998 ha dato a piazzale della Pace il suo profilo attuale.

exille_TP_lavanda

Proprio questa installazione, come ha ricordato l’assessore all’Urbanistica, Michele Alinovi, sarà un’occasione importante “per ripensare un’area a rischio degrado”. Sotto osservazione, in particolare, l’illuminazione pubblica che dovrà rispondere anche alle mutate esigenze di sicurezza dell’area, oltre a una serie di interventi di riqualificazione degli spazi che interessano anche la zona della Pilotta.

Un’opera, “Il Terzo Paradiso”, che ha già viaggiato molto per il mondo, rileggendo il tempo attraverso tre cerchi uniti che simboleggiano il passare del tempo, la storia e le idee in itinere, dal passato al futuro, due tempi tenuti insieme da un cerchio centrale che rappresenta il presente. “I due segni opposti significano natura e artificio – chiarisce lo stesso Pistoletto -. L’anello centrale è la congiunzione dei due e rappresenta il grembo della rinascita”. “Non si può pensare al futuro facendo tabula rasa della nostra storia, della nostra consapevolezza, dei linguaggi – ha sottolineato Fortunato D’Amico di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto – il Terzo Paradiso è diventato in tutto il mondo un simbolo di pace ed equilibrio”.

Al progetto possono partecipare tutti, dai singoli cittadini alle aziende, dalle scuole alle associazioni di categoria e professionali, semplicemente contattando su internet Parma 360.

Nessun commetno

Lascia una risposta: