“Il Terzo Paradiso” a Parma dal 2 aprile. Presentato a Milano il...

“Il Terzo Paradiso” a Parma dal 2 aprile. Presentato a Milano il Festival della Creatività Contemporanea “Parma 360”

1116
0
CONDIVIDI

007Sarà coordinato ufficialmente da laboratorio “Cittadellarte” e Manifattura Urbana “Il Terzo Paradiso”, opera che verrà esposta a Parma, in Piazzale della Pace, dal 2 aprile al 15 maggio 2016. Lo hanno comunicato i rappresentanti delle due associazioni – il direttore di Cittadellarte Paolo Naldini e la vicepresidente di Manifattura Urbana Giulia D’Ambrosio – durante la conferenza stampa al Teatro Agorà della Triennale di Milano, nell’ambito della presentazione del calendario del Festival della Creatività Contemporanea “Parma 360” organizzato da 360° Creativity Events, Art Company, Made in Art, Kontainer, con la coorganizzazione del Comune di Parma.

Naldini ha raccontato la visione del maestro Michelangelo Olivero Pistoletto, direttore artistico di Cittadellarte, soffermandosi sul significato dei tre cerchi, riconfigurazione del segno matematico dell’infinito. Con il “Nuovo Segno d’Infinito” si vuole indicare la fusione tra il primo paradiso (in cui gli esseri umani erano totalmente integrati nella natura) e il secondo paradiso (sviluppato dall’intelligenza umana attraverso un processo fatto di bisogni, prodotti, comodità e piaceri del tutto artificiali e che ha raggiunto oggi proporzioni globalizzanti). Per scongiurare il pericolo di una tragica collisione tra le due sfere – naturale e artificiale – Pistoletto restituisce vita alla Terra, congiuntamente all’impegno di rifondare i comuni principi e comportamenti etici, in quanto da questi dipende l’effettiva riuscita di tale obiettivo.

Le ragioni per cui Cittadellarte ritiene la creatività e la competenza di Manifattura Urbana fondamentali per la riuscita del progetto sono state illustrate Giulia D’Ambrosio: per tradurre in realtà la simbolica visione dell’artista biellese, Manifattura Urbana realizzerà un’opera costituita da pallet e dalla struttura ricca di elementi naturali. Ognuna di queste porzioni, che potrà anche essere affidata alla fantasia di studenti, associazioni o altre realtà (che sceglieranno la tipologia di verde o la seduta da inserire) saranno poi sapientemente disposte dai ragazzi di Manifattura Urbana, creando una vera e propria opera d’arte di agricoltura urbana.

Venerdì 12 febbraio alle 9,45 presso la sede della Fondazione Cariparma, in strada al Ponte Caprazucca, Manifattura Urbana prenderà parte all’avvio della nuova fase di “Esprit”, laboratori progettuali della Fondazione Cariparma per intercettare e risolvere i problemi legati al welfare e all’innovazione.

Nessun commetno

Lascia una risposta: