Stiamo tutti fermi o ci muoviamo subito?

Stiamo tutti fermi o ci muoviamo subito?

1230
0
CONDIVIDI

taglioIn questi ultimi giorni sono comparsi su Facebook moltissimi post in cui molti di noi si lamentano dell’assurdo incremento dei tagli boschivi a tutti i livelli e manifestano gravissima preoccupazione per il nostro futuro: per il calo dell’ossigeno, l’aumento di CO2 e per quel che il taglio indiscriminato e massivo delle piante può provocare per l’equilibrio del territorio.

Le poche foto sono solo alcuni esempi.

Credo che di fronte a tutto ciò non sia più possibile limitarsi a stigmatizzare il fenomeno, ma penso che si debba avviare una forte, fortissima azione di protesta e di richiesta di un vero e proprio stop a questo massacro che ritengo un vero e proprio Harakiri per l’umanità e l’integrità dell’ambiente.

Occorre muoversi subito perché è ormai chiaro che questo è solo l’inizio di un processo che rischia di farci trovare in un vero e proprio deserto nel giro di pochissimi anni: non più di 10 nel migliore dei casi.

Si dovranno coinvolgere tutte le istituzioni e costringerle ad intervenire tirando la testa fuori dalla sabbia in cui l’hanno cacciata per non vedere ciò che sta succedendo.

C’è solo ignoranza? C’è solo sottovalutazione? O ci sono anche responsabilità, inadempienze, sottovalutazioni o magari addirittura complicità?

Iniziamo a proporci l’obiettivo di una grande manifestazione pubblica che veda la partecipazione di chi ha a cuore il futuro del nostro pianeta, dei nostri figli, dei nostri nipoti.

Non lasciamo il nostro futuro in mano a chi lo mette a repentaglio consentendo questo scempio diffuso e arrogante.

Discutiamo, informiamo, mettiamoci in gioco.

Io son davvero stanco di questa pratica selvaggia e dissennata e desidero intraprendere un percorso di lotta ed ho molta voglia (direi quasi il bisogno) di metterci la faccia.

Chi ha intenzione di farlo insieme a me e a chi ci starà si metta in contatto e dia dei suggerimenti.

Creiamo un gruppo che serva a coordinarci? Fondiamo un’Associazione? Chiediamo alle forze politiche di lanciare insieme a noi un’iniziativa per proporre una legge molto più restrittiva? C’è qualche associazione ambientalista che intende fare la sua parte e fare anche da riferimento organizzativo per lanciare l’iniziativa passando dalle parole ai fatti?

Confrontiamoci e iniziamo: magari all’inizio saremo pochi, ma ritengo che in breve tempo si possa allargare di molto la base di “chi ci sta”.

Claudio Del Monte
Rete Ambiente Parma

Nessun commetno

Lascia una risposta: