La Polizia arresta un tunisino con 23 grammi di eroina

La Polizia arresta un tunisino con 23 grammi di eroina

829
0
CONDIVIDI

 

download (1)Da alcuni giorni, i cittadini residenti nei pressi del parco Martini segnalavano la presenza di un probabile spacciatore di origini maghrebine fornendone una dettagliata descrizione.  Nella mattinata di ieri il personale della locale Squadra Mobile, effettuava un servizio d’osservazione  “in loco”, volto ad accertare la segnalazione. La puntuale descrizione fornita consentiva di individuare immediatamente l’uomo che giungeva presso il parco “Martini” intorno alle ore 13:00 e, dopo alcuni minuti, se ne allontanava a piedi. Gli agenti, che riconoscevano in lui uno spacciatore di origini tunisine operante anche nei borghi di “Oltrettorrente” immaginando che, dopo il sopralluogo della sua “piazza di spaccio” stesse andando a recuperare la “merce”, lo seguivano in maniera discreta, finchè, giunti nei pressi di un’area verde tra via San Bruno e la tangenziale Nord, notavano che si chinava su di un cespuglio per  recuperare un involucro che metteva in tasca.

A questo punto gli agenti si lanciavano verso l’uomo che, accortosi della loro presenza, si dava a repentina fuga lungo strada San Bruno; solo al termine di una lungo inseguimento riuscivano a raggiungere e bloccare l’uomo che veniva identificato per GASMIA Sofiane, tunisino classe ’76, irregolare sul T.N.. L’uomo, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di  un involucro in cellophane con all’interno 23 confezioni in cellophane termosaldato, di colore blu, contenenti sostanza stupefacente del tipo eroina, del peso lordo complessivo di circa 23 gr., nonché della somma in contanti di 360 euro probabile provento dell’attività di spaccio. GASMIA Sofiane veniva tratto in arresto con la contestazione di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, e trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura, in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo.

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne

Questura di Parma

Nessun commetno

Lascia una risposta: