Oltretorrente, aggressione in pieno giorno. E i testimoni fuggono

Oltretorrente, aggressione in pieno giorno. E i testimoni fuggono

786
0
CONDIVIDI

imagesAggredita in strada, in Oltretorrente, dall’ex compagno, tanto per cambiare, e lasciata lì dai testimoni, sanguinante e terrorizzata, sotto gli occhi del figlio di nemmeno sei anni.

I fatti, sabato poco dopo le 18,00, al primo buio: la dona era a spasso col figlioletto, quando un uomo l’ha avvicinata, presa a calci, pugni, schiantata contro il muro dell’Annunziata. Poi l’uomo è fuggito, e come lui, cosa gravissima, molti dei testimoni.

All’arrivo di una pattuglia della Municipale, che ha poi accompagnato la trentenne napoletana al Pronto Soccorso per le medicazioni del caso, accanto alla donna erano rimasti solo alcuni ragazzini, terrorizzati per l’accaduto, e il figlio, in lacrime.

Poi è arrivata la madre, che ha iniziato a gridare, spiegando come l’aggredita più volte avesse denunciato l’ex compagno per percosse. Solo in quel momento, si è sciolta la cortina di omertà, qualcuno dei passanti si è avvicinato e ha aggiunto dettagli, qualche testimone è tornato e a identificato l’ex della donna.

Ora, mentre le indagini proseguono, arriva l’appello della Municipale: “Chi sa parli e non fugga”. Perché passare da testimone a vittima, è un batter di mani.

Nessun commetno