Challenge Cup, Zebre corsare in Inghilterra. Battuto anche il Worcester Warriors (15-22)

Challenge Cup, Zebre corsare in Inghilterra. Battuto anche il Worcester Warriors (15-22)

719
0
CONDIVIDI

Kayle Van Zyl - Zebre Rugby

Worcester Warriors – Zebre Rugby 15-22 (p.t. 7-13)

Marcatori: 11‘ cp Beyers (0-3); 18’ m Van Zyl tr Haimona (0-10); 24‘ m Baldwin tr Symons (7-10); 29’ cp Haimona (7-13) s.t. 2‘ cp Symons (10-13); 17’ cp Padovani (10-16);  31‘ cp Padovani (10-19); 37’ m Hammond (15-19); 40‘ cp Padovani (15-22); 

Worcester Warriors: Howard, Short (25’ s.t. Humphreys), Grove (cap), Symons, Hammond, Eden, Baldwin (16’ s.t. Mulchrone); Mama, Kirwan, Taylor (16’ s.t. Cavubati), O’Shea, Sanderson, Milasinovich (73’ s.t. Daniels), Sowrey (23’ s.t. George), Bower (Non entrati: Schonert, Cox, Mills). All. Hogg

Zebre Rugby: Beyers (16’ s.t. Burgess), Berryman, Bisegni (30’ s.t. Toniolatti), Pratichetti, Van Zyl, Haimona (16’ s.t. Padovani), Palazzani; Van Schalkwyk, Meyer (11’ s.t. Cook), Sarto J. (25’ s.t. Ruzza, 29’ s.t. Sarto J., 38’ s.t. Ruzza), Bortolami (cap), Bernabò, Chistolini (8‘ s.t. Ceccarelli), D’Apice (26‘ s.t. Fabiani), De Marchi (4‘ s.t. Postiglioni). All. Guidi

Arbitro: Thomas Charabas (Federation Française Rugby)

Assistenti: Sebastien Minery e Vivien Praderie (entrambi Federation Française Rugby)

Cartellini: al 26° giallo a Taylor (Worcester Warriors), al 35° giallo a Berryman (Zebre Rugby), 22° s.t. giallo a Cook (Zebre Rugby), 30’ s.t. giallo a O’Shea (Worcester Warriors)

Calciatori: Symons (Worcester Warriors) 2/3 , Haimona (Zebre Rugby) 2/2 , Beyers (Zebre Rugby) 1/2, Padovani (Zebre Rugby) 3/4, drop: Eden (Worcester Warrios) 0/1, Padovani (Zebre Rugby) 0/1.

Man of the match: Howard (Worcester Warriors)

Punti in classifica: Worcester Warriors 1, Zebre Rugby 4

 

Le Zebre ci hanno preso gusto e continuano a vincere. Anche in Inghilterra. Ed è la prima volta nella loro storia nel regno di sua maestà. Tutto è accaduto al Sixways Stadium dove, per la penultima gara della fase a gironi della coppa Epcr Challenge Cup, i bianconeri hanno superato per 15 a 22 i Worcester Warriors, già battuti all’andata al Lanfranchi di Parma. Non è stata una passeggiata, ma una vera e propria battaglia che gli uomini di Gianluca Guidi hanno combattuto fino alla fine, portando a casa un brillante risultato. Per loro è la quarta vittoria consecutiva, le ultime due lontano da Parma, e la terza in questa pool 4.

Con il risultato di oggi, le Zebre mettono in carniere 4 punti, lasciando quello di bonus difensivo ai padroni di casa, raggiungendo così quota 12 in classifica. Davanti c’è solo il Gloucester a 21 punti, detentore del trofeo, mentre in ultima posizione ci sono La Rochelle e Worcester Warriors a 5. Proprio la capolista sarà di scena al Lanfranchi il prossimo sabato 23 gennaio alle 15 per l’ultima gara del girone. La vittoria in Inghilterra, inoltre, serve alle Zebre per mantenere vive le speranze di qualificazione ai quarti di finale tra le migliori seconde. Ma è ovvio che al Lanfranchi, sabato prossimo, servirà l’impresa per arrivare almeno a 16 punti.

Ma vediamo cosa è successo nella gara contro i Worcester Warriors. I padroni di casa fin da subito difendono bene il primo possesso italiano e si propongono in avanti trovando un fallo al 4° in ruck calciato in touche, ma la difesa delle Zebre controlla bene. All’11° arriva il secondo fallo fischiato dall’arbitro francese Charrabas questa volta a favore dei bianconeri: dalla metà campo Beyers porta avanti le Zebre con una lunga gittata. Reagiscono i padroni di casa che si riportano nella metà campo degli ospiti ma ancora in modo indisciplinato permettendo al XV di Guidi di risalire al piede. Al 18° un placcaggio pericoloso di Taylor costa la touche in attacco alle Zebre che sfruttano l’opportunità. Una bella giocata dei propri trequarti porta alla prima meta della sfida segnata da Van Zyl (nella foto in alto) con Haimona a trasformare per lo 0-10 parziale.

Dopo una lunga fase di sfida col gioco al piede protagonista, i gialloblù sono ancora nei 22 bianconeri trovando la meta con Baldwin che trova lo spazio alla bandierina per segnare. Symons trasforma riportando a -3 la squadra di coach Hogg. Si riprende coi bianconeri a giocare una mischia nei 22 inglesi impostando diverse fasi d’attacco prima che il gioco sia fermato dal fischio arbitrale. Taylor viene ammonito e Haimona centra i pali allungando per le Zebre che ancora ingaggiano bene in mischia chiusa trovando un altro fallo a favore. Il calcio di Beyers da oltre metà campo questa volta va corto. Il XV del Nord-Ovest prova a superare la linea inglese con un calcetto di Haimona non controllato da Meyer e si ritrovano a difendere nella propria metà campo col fallo che costa il giallo a Berryman. In superiorità numerica Grove e compagni mettono pressione alle Zebre con un lungo multifase che si chiude con un drop fallito da Eden.

La ripresa vede le Zebre liberare al piede dopo una touche nei propri 22 coi Warriors pericolosi vicino alla linea di meta. Il fuorigioco della linea italiana permette a Symons di accorciare col piazzato da posizione centrale. I gialloblù vengono sanzionati in ruck al 49° così le Zebre possono attaccare ma lo sforzo offensivo di Meyer porta ad una mischia ai 5 metri inglesi: il pack italiano ingaggia in modo indisciplinato permettendo alla difesa dei Warriors di risalire. Altra mischia nelle mani di Palazzani sulla metà campo coi bianconeri che provano ad avanzare ma un fallo in ruck costa altri 30 metri agli ospiti. La rimessa nei 22 italiani porta Worcester vicino alla meta con Grove che perde però il controllo dell’ovale. Dopo un fallo contro Worcester in ruck le Zebre ritrovano territorio e allungano dalla piazzola con Padovani a sfruttare un fuorigioco inglese. E’ sempre l’indisciplina ad essere protagonista: l’azione si riporta nei 22 italiani con le Zebre che rimangono ancora in inferiorità questa volta col giallo a Cook. L’azione d’attacco inglese è però imprecisa concedendo una mischia in difesa al XV di Guidi che trova il prezioso fallo sull’ingaggio che porta alla touche in attacco. Cavubati viene sanzionato sulla difesa della rimessa ma Padovani fallisce il piazzato. Ci prova ancora l’apertura Padovani che sull’azione successiva tenta il drop dopo aver ricevuto un vantaggio. Il calcio non è preciso e O’Shea viene ammonito dal fischietto francese con Padovani questa volta preciso dalla piazzola per il 10-19 a dieci minuti dal termine. La reazione inglese è nelle mani dell’attivo Humphreys che però non controlla l’ovale dando un’altra mischia al XV del Nord-Ovest che domina ancora l’ingaggio trovando il fallo. Le Zebre controllano il possesso in attacco ma è brava la difesa inglese sul punto d’incontro a costringere i bianconeri al fallo. Il possesso seguente dei padroni di casa porta alla meta di Hammond ben servito da Grove bravo a trovare il varco nella difesa italiana per segnare la seconda meta dei Warriors. Symons non trasforma col punteggio di 15-19 a due minuti dalla fine. La mischia italiana sale in cattedra e chiude il match mettendo pressione ai padroni di casa: fallo per le Zebre a 40 secondi dalla fine con Padovani che fissa il 15-22 finale dalla piazzola.

Quella di oggi è una vittoria di una squadra che sta dimostrando su tutti i campi d’Europa di che pasta è fatta – commenta l’head coach Gianluca Guidi -. Il successo è frutto del lavoro enorme di uno staff tutto italiano composto da Fabio Roselli e Victor Jimenez. Le Zebre sono una squadra che segue le indicazioni dello staff durante la settimana e le mette in pratica: un gruppo che ha ancora molto da dare. Nelle prossime settimane, anche senza i nazionali che verranno convocati al Sei Nazioni 2016, dovrà rimanere questo spirito pugnandi di voler rivaleggiare contro tutti. Oggi siamo sempre stati avanti nel punteggio in un campo prestigioso come il Sixways Stadium. Questa squadra si sta appropriando di una dimensione internazionale”.

Le Zebre si ritroveranno martedì 19 alla Cittadella del Rugby di Parma per preparare la sfida valida per il sesto ed ultimo turno della Pool 4 della EPCR Challenge Cup: sabato 23 alle 15, allo stadio Lanfranchi, il XV del Nord-Ovest ospiterà i detentori del trofeo, gli inglesi del Gloucester Rugby.

Nessun commetno

Lascia una risposta: